Da marzo 2016 e fino a dicembre 2017, i giovani che non studiano, non lavorano, e non sono attualmente impegnati in percorsi di formazione, possono beneficiare di un sostegno per avviare una propria impresa o per iniziare ad esercitare una libera professione.
Lo prevede l’iniziativa “Crescere imprenditori”, promossa dal ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali, in qualità di autorità di gestione del programma “Garanzia Giovani”, e la sua attuazione è affidata ad Unioncamere.
Formazione e accompagnamento all’avvio di impresa vengono offerte ai giovani tra i 18 e i 29 anni che sono iscritti al programma “Garanzia Giovani”, ma che non sono stati ancora presi in carico da un Centro di servizio per l’impiego, oppure che non hanno ancora beneficiato di alcuna misura di politica attiva. Possono partecipare, inoltre, i giovani che hanno partecipato ai laboratori del Progetto “Crescere in Digitale” e per i quali non sono stati avviati percorsi di tirocinio con una delle imprese registrate. Infine possono partecipare i giovani che sono già in contatto con gli sportelli “Filo per l’imprenditorialità”.
“Crescere imprenditori” si propone di accompagnare circa 6.200 giovani “Neet” verso la creazione e lo start up di nuove imprese. Per accedere al programma bisogna seguire una procedura di autovalutazione delle attitudini imprenditoriali, tramite un test online, disponibile sul portale “Filo” di Unioncamere.
Una volta selezionati, secondo i risultati ottenuti nel test di autovalutazione, i giovani verranno contattati in ordine cronologico, in base alla data di effettuazione del test, e indirizzati alle sedi camerali dei territori di riferimento per iscriversi a percorsi formativi finalizzati alla redazione del piano di impresa. Tali percorsi saranno attivati una volta raggiunto il numero minimo previsto di partecipanti per gruppo e si concluderanno entro quarantacinque giorni lavorativi dalla loro data di avvio.
Il processo di formazione e accompagnamento durerà massimo ottanta ore suddivise in: sessanta ore di attività formativa di base in gruppi, anche a distanza tramite live streaming, e venti ore di fase specialistica di accompagnamento e assistenza tecnica a livello personalizzato.
I giovani, selezionati in base al piano d’impresa realizzato, potranno accedere allo strumento di supporto al credito agevolato “Fondo SELFIEmployment”, attuato dal ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali e gestito da Invitalia.

Fonte:Confimprenditori